Casa plurifamiliare

Paradiso, Svizzera

2005-2010

 

 

Il tema di progetto, esposizione di scafi d’epoca e abitazione dell’artigiano, vede  nell’inserimento del volume il difficile contesto della riva lago, che in questo caso viene a sovrapporsi nell’ambito cittadino, la sua sfida primaria. La situazione del sedime obbliga il volume ad articolarsi a stretto contatto con l’acqua e di conseguenza le scelte progettuali hanno cercato di sviluppare un rapporto tra l’acqua , la riva e il volume. La risposta all’interessante sfida è un’ opera estremamente semplice sollevata dal muro di riva così da garantirne la continuità formale. Il contatto con il terreno è garantito da una vetrata arretrata che definisce lo spazio di esposizione con gli scafi appoggiati sulla riva. I materiali scelti richiamano quelli usati per la fabbricazione degli scafi, acciaio per la struttura portante , legno per le parti di rivestimento e  vetro, quasi senza telaio, come barriera termica. La particolare posizione rispetto all’insediamento cittadino ne fanno inizio o fine del golfo quindi l’intervento assume un’importanza urbanistica non indifferente. La decisione di progetto è stata quella di un intervento di inserimento nel contesto e non di forte identificazione del punto. Il pensiero di un comodo inizio della zona urbanizzata è legato al fatto che un’energica partenza necessitava un volume non realizzabile in quel sedime ed una via di mezzo risultava debole ed insicura.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom